Su Kokku Sabegia: il gioiello per proteggersi dal malocchio

Kokku Sabegia

“Non è vero… ma ci credo” questo era il titolo di una bella commedia teatrale di Peppino De Filippo, ma potrebbe tranquillamente diventare anche il motto di questo articolo che oggi è dedicato ad una antica tradizione sarda.

Conosci Su Kokku? Non è un semplice gioiello, ma un vero e proprio amuleto che veniva donato per proteggere dal malocchio.

Oggi ti parliamo della sua affascinante storia proponendoti le offerte della nostra gioielleria online. Sei pronto a fare un viaggio nella cultura sarda? Buona lettura!

Su Kokku o Sabegia: storia e significato del gioiello sardo

La Sardegna è un’isola ricca cultura, molte tradizioni si sono tramandate fino ai nostri giorni e vivono nelle abitudini e passioni della popolazione, sono così belle e affascinanti che si sono diffuse anche fuori dall’isola. Pensiamo alla fede sarda, l’anello per per millenni è stato indossato dalle spose dell’Isola, ma che oggi è cercato e apprezzato in tutto il mondo. Oppure l’anello S’Ave Maria, ideato per chi vuole portare sempre con se l’antica preghiera in lingua sarda, un gioiello prezioso e ricco di significato.

Oggi parliamo di un altro gioiello tipico della Sardegna: So Kokku, chiamato anche Sabegia o Pinnadellu a seconda della zona.

Nonostante i tanti nomi, questo antico amuleto è usato in ogni parte dell’Isola con il medesimo significato: proteggere dal malocchio chi lo indossa.

É formato da una pietra dura incastonata tra due decorazioni in argento. La pietra, rappresentata solitamente dall’ossidiana, il corallo o l’onice, serviva a assorbire il malocchio o le “mazzinas” (maledizioni in lingua sarda) in modo che queste non arrivasse alla persona. La pietra così ha il potere di tenere al suo interno i malefici: nelle credenze popolari, quando le due coppe in argento si staccano dal gioiello significa che questo è saturo ed è necessario cambiarlo con uno nuovo e puro.

kokku sardo

Su Kokku o Sabegia: a chi si regala?

Anticamente questo amuleto sardo si regalava alle donne in attesa, alle spose o alle giovani che diventavano adulte. Veniva regalato dalla mamma, dalla madrina o dalla nonna come augurio di buona fortuna.

Veniva indossato come spilla o collana, in modo che stesse all’altezza del cuore. L’obiettivo? Catturare il malocchio (malo occhio, in sardo s’ogu malu) ovvero lo sguardo invidioso che si posava proprio su questa parte del corpo. Le future mamme, ancora oggi, amano portarlo come ciondolo all’altezza del pancione per proteggere il loro bambino da qualunque male.

Prima di essere donato veniva caricato con i brebbus, ovvero delle preghiere in sardo che avevano proprio la funzione di protezione.

Ancora oggi su Kokku è un dono graditissimo a donne, uomini e bambini, viene impiegato per decorare tutti i tipi di gioiello: dagli anelli, agli orecchini e bracciali.

Se vuoi fare un dono speciale, o perchè no, regalarti questo gioiello ricco di significato nella nostra gioielleria online troverai sicuramente ciò che può renderti felice.

Su Kokku: le nostre proposte

Questo piccolo talismano è molto eclettico e può rendere unico ogni tipo di gioiello. Ai neonati solitamente viene regalato su Kokku con il bracciale verde per proteggere il bambino da ogni male.

Bracciale verde su Kokku

Se ami particolarmente gli orecchini, questi piccolo talismano può incorniciare il viso in modo speciale: ti proponiamo proprio gli orecchini pendenti con Su Kokku con pietra in onice nera e argento 800 ‰ e lavorazione in filigrana.

Orecchini con su Kokku

Ma le alternative non mancano: scopri la ricca collezione di gioielli con su Kokku nella nostra gioielleria online.

Regala questo prezioso amuleto, proteggi chi vuoi bene e porta sempre con te la Sardegna! 🙂

Su Kokku Sabegia: il gioiello per proteggersi dal malocchio ultima modifica: 2017-05-11T09:00:13+00:00 da Gioielleria Marotta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *