Gioielli in oro: cosa sono i carati?

Gioielli in oro

L’oro è sicuramente uno dei materiali più preziosi e diffusi in gioielleria: è usato per realizzare fedi nuziali, collane, bracciali e svariati gioielli.

Fin dall’antichità veniva usato per realizzare prodotti preziosi da donare a Regine, Imperatori e Nobili. Anche tu hai la passione per i gioielli in oro? Allora oggi parleremo proprio delle sue caratteristiche e soprattutto dei carati.

Vuoi saperne di più? Allora continua a leggere!

Carati, oro: tra valutazione e quotazione… cosa c’è da sapere?

Come saprai, i gioielli in oro non sono tutti uguali: il peso, la dimensione, il colore dipende anche e soprattutto da un aspetto, la caratura.

La parola “carato” è da sempre usata per indicare un’unità di misura di gemme e materiali preziosi: un tempo si prendevano come riferimento i semi del carrubo (che in greco si traduce appunto in kerátion) perchè avevano tutti lo stesso peso (circa mezzo grammo).

Per pesare l’oro puro si faceva quindi riferimento a questi semi. Oggi il Carato è usato per stabilire due tipi di misurazione:

  • Misura di massa
  • Misura di grandezza

MISURA DI MASSA

Il carato è usato già dal Medioevo per pesare piccole quantità di materiali e pietre preziose. Ma solo nel 1832 venne definito il peso di un Carato:

1 Karato o Carato = 0,2 Grammi

MISURA DI PUREZZA

Essendo l’oro un materiale molto malleabile e debole, non può essere impiegato da solo per la realizzazione dei gioielli, poichè potrebbero spezzarsi o piegarsi facilmente. Per renderli resistenti e durevoli, l’oro viene legato ad altri metalli più duri: nascono così i gioielli formati da leghe. Generalmente l’oro viene unito a materiali come il rame, il palladio o l’argento.

Ecco perchè quando si parla di gioielli in oro, il carato assume un’accezione aggiuntiva rispetto all’unità di peso; ovvero si riferisce anche alla purezza, ovvero la quantità di oro presente dentro un lega. Maggiore è l’oro, maggiore è la purezza del gioiello.

La purezza (caratura) si calcola in ventiquattresimi:

1 Carato o Karato = 1 parte di oro su 24 parti di metallo formante la lega

Perchè il numero di riferimento per la purezza è il 24? Anche a questo c’è una spiegazione: questo deriva da una antica moneta d’oro puro usata migliaia di anni fa in Germania. Questa pesava 24 carati, ovvero 4,8 grammi. La sua composizione è il suo peso furono presi come punto di riferimento per valutare la purezza dei gioielli in oro.

Un gioiello con 24 carati (espresso generalmente come 24K) è il più puro sul mercato, perchè corrispondono a 999,9 gr. di oro su 1000 gr. Questo tipo di oro non viene usato perchè l’oro è morbido e tende a deformarsi facilmente

Oro puro 24 Carati

Oro puro 24 Carati

Esistono poi altre sigle che si possono incontrare incise su un gioiello. Le più diffuse, dalla più pregiata e costosa sono:

  • 22 Kt (916,667/1000) – + del 90% di oro
  • 18Kt (750,000/1000) – 75% di oro
  • 12 kt (583,333/1000) – 50% di oro

Queste percentuali sono importanti quando si parla di quotazione dell’oro: maggiore è la percentuale di oro e maggiore sarà la quotazione di un gioiello.

La maggior parte dei gioielli in oro che troviamo ha 18 Kt, dove l’oro è presente al 75%. Secondo la Legge ogni gioiello in oro dovrebbe avere sulla sua superficie un’incisione che indica il nome del produttore e i carati: che nel caso di 18K è uguale a 750.

Come abbiamo detto, accanto all’oro, si aggiungono altri materiali: il loro ruolo è quello di rendere il gioiello più resistente. Certo, ma questi influiscono anche sul COLORE!

Gioielli in oro: ad ognuno il suo colore

L’oro è un materiale molto caro agli sposi: da sempre le fedi sono realizzate con questo materiale. Ma se prima la fede era soprattutto quella in oro giallo, negli ultimi anni sono sempre più coloro che chiedono fede in oro bianco o rosa.

Leggi anche: Fede in oro bianco o giallo, le nostre considerazioni

La diversa colorazione dipende proprio dal tipo di lega dell’anello. L’oro puro è giallo intenso, l’oro bianco è l’unione di oro giallo più argento o palladio, l’oro rosa è costituito da oro puro (75%) più rame (20%) e argento (5%). E poi c’è anche l’oro rosso dove la percentuale del rame è maggiore del 25%.

Esistono poi delle regole differenti quando si parla di fedi in platino, di cui ti abbiamo parlato in un articolo precedente.

Come vedi la caratura è un elemento fondamentale per valutare l’oro e scegliere il proprio gioiello: da questa dipende il peso, la purezza e addirittura il colore del prodotto.

Ora hai nuovi elementi per scegliere il tuo gioiello o la tua fede nuziale. A proposito, hai già dato uno sguardo nella nostra gioielleria online? Trovi tanti gioielli in oro per tutti i gusti!

E se abiti in Sardegna, ti aspettiamo nel nostro punto vendita di Via Carmine n°1 ad Assemini.

Gioielli in oro: cosa sono i carati? ultima modifica: 2017-05-30T09:00:03+00:00 da Gioielleria Marotta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *